BUSALLA VILLA BORZINO

A pochi passi dalla stazione, lungo la via che collega Busalla a Borgo Fornari, si trovaVilla Borzino. 
La villa, di proprietà comunale dal 1972, è circondata da un parco ricco di alberi con viali, siepi di bosco e un bellissimo ninfeo. L'edificio è sede dell'Ente Parco Antola e di numerose associazioni culturali oltre che, fino alla sua soppressione, della Comunità montana Alta Valle Scrivia.

E’ circondato da un ampio parco, oggi in parte ridimensionato da lottizzazioni risalenti agli anni ‘70 del Novecento. Nella parte alta il parco ha oggi riassunto un aspetto prevalentemente naturalistico mentre nella zona compresa tra l’accesso e la villa presenta ancora l’originario assetto connotato da viali con siepi. L’accesso pedonale al complesso è caratterizzato da una splendida grotta a ninfeo decorata da una tessitura musiva contenente pietre pregiate, conchiglie, coralli, tessere vitree, copia perfetta del ninfeo di villa Sauli a Genova.

Le stanze sono oltre cinquanta: dal seminterrato, in cui erano sistemate le cucine, la lavanderia e le cantine, al piano terra, con la sala da pranzo, lo studio, la biblioteca e varie stanze di rappresentanza, per finire all’ ambiente a pianta ovale posto all’interno della torre.

Belli e d’effetto gli arredi interni, progettati dallo stesso architetto. Al piano terra e al primo piano, pur bisognosi di interventi di conservazione e restauro, restano gli splendidi pavimenti in lastre di marmo intarsiate e in graniglia alla genovese e mosaici, le porte ed infissi, i camini in ardesia e marmo, le decorazioni dipinte a trompe l’oeil, quelle in stucco e lignee, il vano scala con una complessa ringhiera in ferro battuto, alcuni pezzi di mobilio, i bagni piastrellati con formelle dipinte a mano  e arredati con ceramiche ancora integre e, perfettamente intatto, lo splendido studio di Borzino.
Bei pavimenti in graniglia ma nessun apparato decorativo, invece, al secondo piano, destinato ad usi più funzionali e meno rappresentativi, eccezion fatta per l’interno della torre.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •